A Varese 4 MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO e il cinema Giallo-thriller italiano

Per chi abita nel raggio di 100 Km da Varese un suggerimento spassionato: segnatevi la data del 22 febbraio!
La sala di Filmstudio 90 si tingerà del giallo-thriller di Dario Argento con la proiezione della versione integrale MAI trasmessa in TV del capolavoro 4 mosche di velluto grigio (1971).
gialloGià questo basterebbe a giustificare lo sforzo per i non varesini. Ma non è finita, perché il film sarà anticipato dalla presentazione del volume Il cinema giallo-thriller italiano (Gremese) di Claudio Bartolini, alla presenza dell’autore, con introduzione di Mauro Gervasini, direttore editoriale del settimanale Film Tv e del sito filmtv.press.

Frutto di anni di ricerca, catalogazione e scrittura, il volume Il cinema giallo-thriller italiano costituisce la prima mappatura completa della produzione giallo-thriller italiana dal 1963 – anno di distribuzione del capostipite La ragazza che sapeva troppo di Mario Bava – al 2017. Insieme è però anche un’approfondita analisi verticale – a carattere produttivo, storiografico, stilistico e aneddotico – di ognuno degli oltre 400 titoli che compongono il catalogo del genere. Dai capisaldi firmati Dario Argento, Mario Bava, Lucio Fulci, Sergio Martino o Umberto Lenzi alle affermazioni autoriali di Michelangelo Antonioni, Elio Petri, Luigi Comencini o Tinto Brass, dalle incursioni eccentriche di Francesco Barilli, Pupi Avati, Nelo Risi o Luigi Bazzoni. Strutturato come una sorta di “cinenciclopedia” rappresenta, a oggi, il lavoro più completo, organico ed esaustivo su un genere che, in Italia come nel resto del mondo, si è imposto come fenomeno di culto.

Claudio Bartolini è condirettore della collana di saggi cinematografici Bietti Heterotopia, direttore del periodico INLAND. Quaderni di cinema (Bietti Edizioni), vice-caporedattore del mensile Nocturno, redattore e capo-servizio del settimanale Film Tv dal 2009. Giurato in festival nazionali e internazionali, ha pubblicato monografie sul cinema gotico di Pupi Avati, quello virale di David Cronenberg e quello sommerso e sottostimato di Armando Crispino. Ha curato l’antologia di contributi critici George A. Romero. Appunti sull’autore (Bietti, 2016).

GIOVEDI 22 FEBBRAIO, ORE 20.45
c/o FILMSTUDIO 90 (via De Cristoforis 5, Varese)

@redazione

Commenti

commenti