Controcorrente

Sono passati 25 anni, una vita o quasi… ma la passione e la tenacia con cui un manipolo di impavidi continua a credere nel cinema di qualità è rimasta la stessa. Parliamo di noi, di Filmstudio 90, associazione nata il 5 dicembre 1990 con l’idea di promuovere il cinema delle idee e di aprire mille finestre sul mondo. Un’avventura che piano piano si è rafforzata, ha costruito relazioni, sviluppato progetti, organizzato eventi e rassegne, riaperto sale, diffuso immagini, contaminato paesi e cercato ovunque un nuovo pubblico desideroso di guardare con occhi diversi la realtà din un mondo in continuo, veloce cambiamento. Anche in modo controcorrente: che vuol dire non arrendersi a schemi facili, a luoghi comuni, ma cercare sempre l’originalità di racconti e modi di comunicare che il cinema migliore mette a disposizione per chi lo ama, lo protegge, lo va a cercare.
Nel tempo, qualcuno ha rafforzato la sua presenza, pochissimi li abbiamo persi per strada, ma davvero in tanti si sono uniti a noi, come normale avvicendamento in un’associazione che lavora sul territorio, sempre avida di nuovi contatti, nuove amicizie ed esperienze: perché la prima ricchezza, anche per chi si occupa di promozione culturale, è quella di creare partecipazione, favorire scambi, mettere in comune idee e buone pratiche, condividere entusiasmi. Insomma, 25 anni non sono passati invano, anzi il cammino si è fatto più stimolante, e ha piacevolmente costretto a diventare “professionisti” in svariati ambiti, da quello dell’esercizio cinematografico all’organizzazione di eventi e reti per la cultura, dall’editoria alla comunicazione, dalla formazione alla collaborazione con tanti enti ed amministrazioni pubbliche.
Certo, le sfide del presente, le difficoltà di tutti i giorni sono enormi, soprattutto per chi cerca di non legarsi a circuiti protetti e intende muoversi in modo indipendente e al contempo fuori dalle leggi di mercato… Vogliamo ricordare, allora, che molte iniziative partite come vere e proprie scommesse sono diventate percorsi consolidati e ancora stimolanti? Da “Esterno Notte” a “Cinemaragazzi”, da “Un posto nel mondo” a “Di terra e di cielo”, progetti spesso realizzati in fattiva collaborazione con tante altre realtà attive in provincia, da “Cortisonici” a “Cinequanon”, che riescono a coinvolgere anche il pubblico giovane, i luoghi dove trovare buon cinema e proposte per tutti (come il CineCEDOC, che sarà inaugurato sabato 5 dicembre) sono la migliore risposta alle crisi imperanti e invitano a tenere duro e a guardare ancora lontano, necessariamente insieme ai vecchi e ai nuovi compagni d’avventura.
Giulio Rossini

Commenti

commenti