Cronache da Locarno 65: venerdì 10 agosto

L’ultimo film della sezione Concorso Internazionale è Polvo di Julio Hernàndez Cordòn. La pellicola racconta da una parte la storia di Delfina, una donna che cerca ossessivamente il marito morto durante la guerra civile guatemalteca sedici anni prima, e che condanna il figlio Juan a fare altrettanto. Dall’altro lato ci sono Ignacio ed Alejandra, che cercano di documentare storie come quella di Juan e Delfina. Il film compie una riflessione intensa sul differente approccio che i due personaggi di Ignacio e Juan, pur appartenendo alla stessa generazione, hanno verso la vita. Il regista pone il suo sguardo sulla devastazione che la guerra lascia in eredità alle generazioni future, attraverso il gioco di contrasto tra delicatezza ed immagini molto cruente. Ignacio, con la sua allergia alla polvere, può davvero comprendere Juan, nato e sepolto vivo sotto la polvere della tragedia?

Per la serie ‘dalle stelle alle stalle’ parliamo di Das Missen Massaker, un film dello svizzero Michael Steiner. È davvero offensivo che 6000 amanti del cinema abbiano dovuto vedere sul grande schermo di Piazza Grande la versione svizzera di Scary Movie. Un killer mascherato assassina una dopo l’altra tutte le partecipanti a Miss Svizzera. Risata grossa, contenuto nessuno. Nemmeno parodistico o meta cinematografico, seppur il regista dichiari d’essersi ispirato a Quentin Tarantino. C’è da chiedersi perché gli Europei vogliano fare gli Americani a tutti i costi.

Da Locarno Giulia Colella

Cronache da Locarno 65: venerdì 10 agosto , 9.5 out of 10 based on 2 ratings

Commenti

commenti