Una biblioteca da paura: un progetto per il Fondo Sclavi

La biblioteca comunale “Munari” di Venegono Superiore ha ricevuto nel 2002 un’importante donazione ad opera del concittadino Tiziano Sclavi, inventore – sceneggiatore del fumetto cult Dylan Dog. Ora un progetto promosso dalla Cooperativa Totem di Varese e dal Comune di Venegono Superiore intende promuoverlo e valorizzarlo grazie a un importante contributo erogato dalla Fondazione Cariplo.

Fondo Sclavi Venegono SuperioreIl progetto, che ha preso il via a settembre 2015 e si concluderà a dicembre 2017, prevede due azioni distinte. La prima è legata al protagonismo dei cittadini venegonesi che verranno invitati  a ri-appropriarsi del Fondo. Le tante associazioni presenti si sono costituite in un gruppo di lavoro stabile che sta progettando le varie iniziative di valorizzazione. Sono inoltre previsti inoltre momenti formativi per far crescere le competenze presenti, sia gestionali che imprenditoriali.

Una seconda azione prevede l’organizzazione di un festival di richiamo che offra la giusta visibilità al patrimonio Fondo Sclavi e che possa diventare un punto di riferimento per gli appassionati della cultura del fumetto, letteratura horror e non solo presenti sul territorio. Un festival che nasca dal partenariato stabile creato dal progetto e che coinvolga il paese di Venegono Superiore in un evento culturale si guadagni alla fine del triennio di progetto una sua sostenibilità organizzativa ed economica.

12036618_674011839366958_1875947250125871605_n

Le proposte delle varie associazioni, i contatti messi a disposizione dal donatore Tiziano Sclavi, le proposte messe a disposizione dalla casa editrice Sergio Bonelli confluiranno in questo festival.

Il primo appuntamento è previsto per il 21 e 22 gennaio 2016 dove gli organizzatori prevedono piccoli assaggi di quello che potrà esser il festival: conferenze sul tema, laboratori per bambini, letture, proiezioni, musica ed un aperitivo con delitto. Cinequanon vi terrà informati!

Per ulteriori informazioni questa la pagina facebook del progetto.

@redazione

Commenti

commenti