I premiati al 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

Dal 1991 il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina è l’unico festival in Italia – e uno dei 3 in Europa dedicato alle cinematografie e culture dall’Africa, Asia e America Latina. Il Festival è organizzato e promosso dall’Associazione Centro Orientamento Educativo – COE, una ong che dal 1959 promuove progetti di cooperazione culturale nei 3 continenti, con particolare attenzione alla promozione di arte e cultura.
Come ogni anno il programma è stato ricchissimo di proiezioni e incontri con gli autori.
Questi i premi assegnati:

Baby di Liu Jie

Baby di Liu Jie

CONCORSO LUNGOMETRAGGI “FINESTRE SUL MONDO”
Baby di Liu Jie (Cina, 2018) vince con la seguente motivazione:
“Con una regia sicura che ci rivela la grande abilità e padronanza di un artista nel pieno controllo del proprio mezzo, il regista ci racconta una storia di solitudine e speranza interpretata magistralmente dall’attrice protagonista e ci mostra l’orrore e la disperazione dei bambini abbandonati in Cina, esplorando con grande potenza la forza, la passione e il coraggio di una giovane donna che si batte contro il sistema.”

CONCORSO CORTOMETRAGGI AFRICANI
Vince Brotherhood di Meryam Joobeur (Tunisia/Canada/Qatar/Svezia, 2018), con la seguente motivazione:
“Per l’abilità con cui affronta le contraddizioni del mondo islamico contemporaneo con un forte impatto emotivo e con uno sguardo artistico già maturo.”

CONCORSO EXTR’A
Premiato La gita di Salvatore Allocca (Italia, 2018), con la seguente motivazione:
“Per la capacità di far riflettere su grandi problemi attraverso una piccola storia ben calata nel presente, con un tocco delicato e un ottimo lavoro sui giovani interpreti.”

PREMI SPECIALI
Premio Città di Milano al film più votato dal pubblico, ovvero Los Silencios di Beatriz Seigner (Brasile/Colombia/Francia, 2018).
Premio Cinit al film Yasmina di Claire Cahen, Ali Esmili (Francia, 2018). Il premio, che consiste nell’acquisizione dei diritti di distribuzione in Italia, è assegnato ad un cortometraggio africano con valore educativo.
Premio Signis al film Divine Wind di Merzak Allouache (Algeria/Qatar/Libano/Francia, 2018).
Premio Sunugal al film Brotherhood di Meryam Joobeur. Il premio, che consiste in una partecipazione nell’acquisizione dei diritti di distribuzione in Italia da parte del COE, è assegnato a un film che promuova lo scambio culturale e la lotta ai pregiudizi.

 @redazione

Commenti

commenti