I vincitori del 37° Bergamo Film Meeting

El motoarrebatador

El motoarrebatador

El motoarrebatador (The Snatch Thief) di Agustín Toscano ha vinto la Mostra Concorso della 37a edizione di Bergamo Film Meeting. Al film, che è stato votato dal pubblico, va il Premio Bergamo Film Meeting – UBI Banca del valore di 5.000 euro.
La giuria internazionale, presieduta dal regista italiano Paolo Franchi e composta da Prune Engler (Condirettore Festival International du Film de La Rochelle – Francia) e da Bernd Brehmer (Condirettore Festival Underdox di Monaco – Germania), assegna il Premio per la migliore regia del valore 2.000 euro a Un om la locul lui (A Decent Man) di Hadrian Marcu.
Sempre il pubblico assegna il Premio Miglior Documentario CGIL Bergamo per la sezione Visti da Vicino, al documentario Mamacita di José Pablo Estrada Torrescano (2.000 euro), mentre il Premio della Giuria CGIL – La Sortie de l’Usine, attribuito dai delegati sindacali di CGIL Bergamo al documentario che meglio affronta i temi legati al mondo del lavoro (1.000 euro), spetta a Mudar la piel (The Spy Within) di Ana Schulz e Cristóbal Fernández.
Questi tutti i premi:

MOSTRA CONCORSO
PRIMO PREMIO BERGAMO FILM MEETING – UBI BANCA
El motoarrebatador/The Snatch Thief/Il borseggiatore di Agustín Toscano, Argentina/Uruguay/Francia 2018, 93’.

SECONDO PREMIO BERGAMO FILM MEETING
Granice, kiše/Borders, Raindrops/Confini, gocce di pioggia di Nikola Mijovic e Vlastimir Sudar, Bosnia-Erzegovina/Montenegro/Serbia/Svezia/UK 2018, 93′.

TERZO PREMIO BERGAMO FILM MEETING
Obey/Obbedisci di Jamie Jones, Regno Unito 2018, 92’.

PREMIO PER LA MIGLIOR REGIA
Un om la locul lui/A Decent Man/Un uomo onesto di Hadrian Marcu, Romania 2018, 93’.

VISTI DA VICINO
PREMIO MIGLIOR DOCUMENTARIO CGIL
Mamacita di José Pablo Estrada Torrescano, Messico/Germania/Lussemburgo 2018, 75’.

PREMIO DELLA GIURIA CGIL “LA SORTIE DE L’USINE”
Mudar la piel/The Spy Within/Cambiare pelle di Ana Schulz e Cristóbal Fernández, Spagna 2018, 89′.

La stessa giuria “Per la strabiliante capacità di rappresentare nel micro, tutte le tematiche e le contraddizioni del macro” assegna la menzione speciale a Insulaire/Islander/Isolani di Stéphane Goël, Svizzera 2018, 90’.

@redazione

Commenti

commenti