La grande scommessa – The Big Short

grande_scommessaBasato su una storia vera, il film è l’adattamento cinematografico del libro The Big Short: Inside The Doomsday Machine di Michael Lewis, che parla della vera storia di alcuni investitori che hanno previsto il collasso del mercato immobiliare prima del crollo finanziario del 2008, che portò alla crisi mondiale dell’economia.
Il film è diretto da Adam McKay (il regista dei poco fortunati Anchorman e Fratellastri a 40 anni) con un cast da far accapponare la pelle: Christian Bale, Steve Carell, Ryan Gosling, Brad Pitt e Marisa Tomei. Ognuno dei protagonisti interpreta un archetipo dell’antisistema: il disadattato visionario di Bale, il pentito Pitt, l’arrogante che crede di fottere tutti è invece Gosling, mentre Carell interpreta l’incazzato contro il sistema. Soprattutto Christian Bale e Steve Carell sono giganteschi nel tratteggiare due personaggi estremi pieni di rabbia e di qualcosa di inespresso. Ci sono anche i giovani sognatori che cercano di conquistarsi un posto tra i grandi, partendo da 30.000 dollari e un garage… quasi come un nerd della Silicon Valley.
Si può scommettere contro il sistema e guadagnarci? È quello che ha fatto questo piccolo gruppo di speculatori fuori dagli schemi. La grande scommessa è la storia della crisi finanziaria vista dal loro punto di vista, deibig-shot loro investimenti che li hanno portati nei meandri oscuri del sistema bancario. McKay e i suoi sceneggiatori sono bravi a dire tutto, a mostrare le grandi banche che hanno colluso col crimine (Deutsche Bank, Ubs, Goldman Sachs, Merrill Lynch, Lehaman Brothers e tante altre), le colpe delle agenzie di rating (Morgan Stanley in testa) e il marcio che c’era, e forse c’è ancora, dietro e dentro al sistema bancario. Il regista è anche bravo a non entrare troppo nelle vite dei protagonisti ed è altrettanto bravo a non semplificare troppo, racconta bene anche tecnicamente cosa sono i mutui subprime o un’obbligazione strutturata o un credit default swap. E inoltre lo fa divertendo, grazie a un montaggio serratissimo, una camera che svolazza sempre, certi zoom da grande cinema americano anni ’60, quando un film poteva essere politico, tanto che in certe sequenze ricorda qualcosa tra Altman e Pollack.

Una colonna sonora da urlo (Led Zeppelin, Nirvana, Metallica, Guns N’ Roses, Neil Young e tanto altro) completa l’opera. Un film da vedere per aprire il 2016 all’insegna del cinema di qualità.

Claudio Casazza

La grande scommessa – The Big Short

Regia: Adam McKay. Sceneggiatura: Charles Randolph, Adam McKay. Fotografia: Barry Ackroyd. Montaggio: Hank Corwin. Interpreti: Christian Bale, Steve Carell, Ryan Gosling, Brad Pitt, Marisa Tomei. Origine: Usa, 2016. Durata: 130′.

Commenti

commenti