La Guarimba FF 2019: l’anno della maturità

proiezione-2Giunge al termine la VII edizione della Guarimba International Film Festival che si è svolta dal 7 all’11 Agosto ad Amantea (CS), nella suggestiva cornice del Parco La Grotta.
Guarimba è una parola che per gli indios venezuelani significa “posto sicuro”. Il festival nasce con l’idea di “riportare la gente al cinema e il cinema alla gente”, attuando un processo di forte democratizzazione della cultura grazie all’organizzazione di conferenze e incontri con ospiti internazionali e garantendo un “mosaico di di visioni, inquietudini, critiche, immaginari e ossessioni di nuove voci o artisti affermati”. Per farlo hanno scelto il cortometraggio, un medium spesso escluso dal circuito di distribuzione tradizionale ma che può spesso riservare piccoli capolavori di futuri grandi autori. In concorso quest’anno oltre 150 cortometraggi, selezionati tra i più di mille arrivati da tutto il mondo (46 nazioni rappresentate), divisi in sei categorie (Fiction, Documentario, Videoclip, Film Sperimentali e La grotta dei piccoli). Il carattere fortemente internazionale che contraddistingue l’intero festival ha permesso di restituire allo spettatore un panorama eterogeneo e dare visibilità a cinematografie difficilmente accessibili. La giuria, totalmente al femminile, è stata composta da Jeanette Bonds (USA), fondatrice e direttrice grotta-dei-piccoliWorddel Glas Animation Festival in California, Éva Katinka Bógnar (Bulgaria), regista di animazione e insegnante alla Moholy-Nagy University of Art and Design di Budapest e Norma Guevara (Cuba/Francia) fondatrice del Women Film Festival Network.
Quest’anno, come ripetuto più volte durante le serate dal curatore Giulio Vita, per il festival è stato l’anno della maturità: il lavoro di un centinaio di persone (molti dei quali volontari) ha infatti garantito un’edizione più grande che mai, curata nel dettaglio e pensata per garantire al pubblico prodotti eterogenei e di qualità. Tanti gli sponsor che hanno deciso di supportare questa avventura MINI Italia, Unicef Italia e Rai Cinema Channel.
Tra le iniziative che hanno segnato questa edizione ne ricordiamo alcune: La grotta dei piccoli, promossa da Unicef Italia, spazio dedicato ai più piccoli con una programmazione parallela a quella principale che ha previsto 80 cortometraggi animati allo scopo di coinvolgere anche i più piccoli e avvicinarli al linguaggio cinematografico. Le proiezioni si sono svolte in una piccola grotta allestita ad hoc con soffici cuscini e lucine colorate, facendo di questo uno spazio fantastico e ludico dove il bambino hanno potuto immergersi totalmente in mondi nuovi e sconosciuti.
Ampio spazio anche CAMBUR, il progetto di sostenibilità della Guarimba, con l’obiettivo di ridurre gli sprechi e le plastiche monouso. Il festival si è infatti aperto con una “call to action” che ha visto cittadini locali, ospiti e membri dell’associazione ripulire le bellissime spiagge di Amantea dai rifiuti abbandonati arrivando alla quantità impressionante di 300 kg di spazzatura. Tra gli sponsor Klean Kanteen, fornitore ufficiale delle borracce riutilizzabili marchiate “La Guarimba”.
Infine, anche quest’anno è stato chiesto a 15 illustratori internazionali di reinterpretare liberamente la scimmia guarimbera con il loro stile e nella loro lingua. I lavori sono stati raccolti all’interno di una mostra a cielo aperto a cura di Sarproiezione-3a Fratini (co-direttrice del festival).
Come sottolineato dai curatori della manifestazione c’è ancora molto da fare, a partire da una maggiore attenzione dell’amministrazione comunale per il parco in cui si svolgono le proiezioni, ma la strada è sicuramente quella giusta, dove il cinema diventa per tutti, grandi e piccioli, giovani e vecchi, bianchi e colorati e un piccolo paese sulla costa tirrenica della Calabria diventa il centro del mondo.

Riportiamo di seguito tutti i cortometraggi vincitori divisi per categorie:
Fiction award – FAUVE by Jérémy Comte
Animation award – I’M GOING OUT FOR CIGARETTES by Osman Cerfon
Documentary Award – THE MIGRATING IMAGE by Stefan Kruse Jørgensen
Music video award – NOT ENOUGH by Bear Damen
La grotta dei piccoli award – LE MANS 1955 by Quentin Baillieux
Audiance Award – SISTERS by Daphne Lucker
Guarimberos Award - BAMOBE by Flo Van Deuren
Nonnina Award – TUNGRUS by Rishi Chandna
Insomnia Award – MUDANZA CONTEMPORANEA by Teo Guillem
Premio Rai Cinema Channel – DIVERSION di Mathieu Mégemont

 da Amantea, Samuele P. Perrotta

Commenti

commenti