Morto Martin Landau

Alle nuove generazioni non dirà molto il nome di Martin Landau, un gran signore del cinema hollywoodiano. Pochi i ruoli memorabili e tutti antecedenti la metà degli martin-landauanni 90. Non stiamo parlando di preistoria, ma oggi si sa, il magma multimediale divora e digerisce tutto a grande velocità e vent’anni sono come un secolo vent’anni fa. Tanto per capirci, Landau nel 1994 fu il Bela Lugosi nel cult di Tim Burton Ed Wood, interpretazione che gli valse un Oscar come miglior attore non protagonista. Ma di film importanti ne aveva in curriculum, due titoli su tutti Crimini e misfatti di Woody Allen (1989) e Tucker di Francis Ford Coppola, che nel 1988 lo salvò da un declino che sembrava inarrestabile. Infatti Landau dopo il successo della serie televisiva Spazio 1999 pareva davvero destinato a piccoli ruoli in film mediocri. Strano il destino di un attore a volte, perché il Nostro bravo lo era davvero. Al cinema ci era arrivato passando dall’Actor’s Studio nel 1955, selezionato tra centinaia insieme a Steve McQueen! Poi i grandi registi, da Hitchcock (in Intrigo internazionale) a Mankiewicz, Sturges, Hathaway. Poi la prima grande serie televisiva di successo Mission Impossible, insieme a Barbara Bain (che diventerà sua moglie) e, come detto, Spazio 1999, magnifica ed esoterica, fantascientifica ma più sofisticata di Star Trek, che pure gli era stata offerta e dove avrebbe dovuto interpretare niente meno che il capitano Kirk. Invece in Spazio 1999, ancora accanto alla Bain, Landau comandava col nome John Koenig, meno allampanato e ingellato di William Shatner, ma non meno affascinante, forse più sofferto.
Di recente lo avevamo apprezzato in una piccola parte nel film di Atom Egoyan Remember.
Noi, che in redazione siamo nostalgici, ci siamo andati a risentire la sigla di Spazio 1999 per ricordare con un minuto di cinema Martin Landau.

E per i nostalgici tra i nostalgici, la sigla di chiusura della seconda serie della versione italiana, cantata dal duo Oliver Onions, proprio loro, quelli che musicarono Altrimenti ci arrabbiamo e tanti film di Castellari, Corbucci, Martino, Steno, i film con Bud Spencer e Terence Hill, appunto.

Oliver Onions e Martin Landau, che strano accostamento! Solo al cinema è possibile.

@redazione

Commenti

commenti