Garçons de Cannes: prima giornata

Se la Costa Azzurra è un luogo affascinante e ricco di bellezze già da sé, Cannes, durante i giorni del Festival, si veste di immagini, luci e soprattutto personaggi bizzarri e vivaci.
Ore 13 e 10, sbarchiamo su un altro pianeta: la Croisette. Ci si apre dinnanzi il lungomare letteralmente tappezzato dei poster ufficiali della 72esima edizione del Festival, con Agnès Varda intenta a girare uno dei suoi capolavori. Li fotografiamo tutti, ovunque si trovino: dalle facciate dei palazzi alle cartoline sparse sui muretti.

Ritirati i badge, inizia la corsa: miracolosamente abbiamo gli inviti per il Palais. Poco per volta, alcuni sbocconcellando gli avanzi del pranzo, altri in ritardo, arriviamo tutti in coda e solo allora, non appena abbiamo un attimo per guardarci attorno, osserviamo chi e cosa ci sta vicino. Ci rendiamo conto di essere estremamente fortunati quando incrociamo gli sguardi imploranti e invidiosi di chi, con  cartelli improvvisati e ben in vista, è alla disperata ricerca di un invito per poter accedere a quelle proiezioni riservate solo alla stampa.
Tutti bramavano l’ingresso al Grand Theatre Lumières tanto da provare a superarci in coda, ma, tenendo saldo il nostro posto e una volta passati i controlli meticolosi (davvero meticolosi), con gli zaini alleggeriti, arriviamo sul red carpet. Magari avessimo incontrato Di Caprio! Ci ha invece accolto un sedicente avventore americano in live su Instagram al grido “Say hello, from America”. Fuga disperata verso le scale, inizia la proiezione con una puntualità svizzera, silenzio in sala.

Ore 15,30, si riaccendono le luci ed è il momento di esplorare il labirintico Palais des Festivals. Iniziamo a fare incetta di volantini, raccogliamo quanto più materiale possibile. Ci perdiamo in un dedalo di stand dedicati alla stampa e al “Marché”, frequentato da coloro che vendono o acquistano film provenienti da ogni angolo del globo.

Garçons de Cannes

 

“Iniziativa realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MIUR e MIBAC”

Seguici su Instagram @liceocairolivarese e Twitter @liceoecairoli

Commenti

commenti