Venezia in Super Economy

Uno sguardo rubato al post-proletariato

L’ossessione di una vita, il tarlo nella testa che non se ne vuole mai andare, l’idea fissa che fatica a sbiadirsi… Partecipare alla Mostra del Cinema di Venezia e poter dire “io c’ero”, tutto questo non per aver raggiunto chissà quale status sociale o aver intrapreso una sfolgorante carriera nel mondo dell’alto giornalismo, ma per aver trovato un biglietto del treno a soli 9 euro.

L’ostacolo viaggio poteva dirsi risolto, restava solo da scegliere l’alloggio e si sa che a Venezia chi non può permettersi un giro in gondola non può nemmeno aspirare ad una comoda sistemazione nei paraggi e così la scelta ripiegò su Mestre. “Alloggi la Cuccagna”, dal nome pareva aver trovato l’isola felice, lenzuola di seta e cibo a volontà, in realtà si trattava di solo pernottamento con bagno in comune e materasso sfondato. La felicità low-cost è difficile da godere, ma può darti tante soddisfazioni. La prima è stata ritrovarsi in una città viva e accogliente, la seconda arrivare al lido senza ostacoli o spiacevoli imprevisti.

Ed ecco il famigerato red carpet, le macchine coi vetri oscurati, l’andirivieni di cameraman e troupe televisive, l’atmosfera surriscaldata dal caldo più che da star del cinema, del tutto assenti o rintanate nelle loro suite di lusso, il vociferare costante e il lungo mare affollatissimo.

La meta era raggiunta e non ci si poteva certo lamentare, ma mai dire mai…

Si dice spesso “il tempo è denaro” e mai come in questa occasione ne ho potuto verificare l’effettiva veridicità, infatti il mio errore è stato proprio quello di perdere tempo, gironzolando in lungo e in largo, senza accorgermi che sarei arrivata terribilmente in ritardo alla proiezione del film di cui avevo acquistato il biglietto con immensa gioia e trepidazione. Sentirsi dire: “Mi spiace, i posti sono esauriti” ha del tragicomico, non si sa se occorra esser tristi oppure ridere di se stessi e della propria sfortuna. Era la mia unica occasione, non avrei potuto acquistare un altro biglietto e neanche rivendicare quello perso, ai giovani proletari non si da nemmeno la possibilità di sognare e addirittura mangiare può risultare impresa epica. Nessun ristorante, trattoria o bar era così stracolmo e popolato come la salumeria di quartiere, a pochi passi dal centro nevralgico del Festival. Un fiume di ragazzi e ragazze attendevano impazienti di concedersi un panino preparato ad hoc, molto più economico di un fritto misto o un soutè di cozze in riva al mare. Vittime, loro malgrado, di quell’attesa interminabile, forse avranno rischiato di vivere la mia stessa disavventura  e se il dolore condiviso è certo meglio di una sofferenza solitaria, non è confortante conoscerne le ragioni comuni.

E’ in questo clima del tutto “fantozziano” che il destino beffardo sembra aver mollato la presa. Ad un certo punto un’apparizione folgorante e quanto mai in tema. Milena Vukotic, la Pina del famoso ragionier  in tutto il suo splendore, esile e sorridente, che con occhi pieni di meraviglia e stupore mi concede un autografo. La mia prima esperienza alla Mostra del Cinema di Venezia si poteva dire conclusa e il finale inaspettato mi ripagava di tutto, quell’incontro fortuito era simbolo dello spirito dissacrante con cui avevo deciso di vivere quella giornata ed emblema bizzarro del nostro presente.

di Jenny Rosmini

VN:F [1.9.22_1171]
Trovi interessante l'articolo?
Rating: 7.2/10 (13 votes cast)
Venezia in Super Economy, 7.2 out of 10 based on 13 ratings

Commenti

commenti