Berlinale 74: Shikun, il ritorno di Gitai a Berlino

Amos Gitai, il più famoso regista israeliano, torna alla Berlino con questo nuovo lavoro, un film teatrale, avvincente e molto…

Continua »

Dune – Parte Due: la nostra recensione

Dov’eravamo rimasti? Il primo capitolo di Dune (Dune: Part One) è uscito più di due anni fa suscitando, ovviamente, molto…

Continua »

Berlinale 74: dalla sezione Encounters la scrittrice Christine Angot diventa regista

Questo è uno di quei film per cui vale la pena seguire i festival di cinema, presentato nella sezione Encounters…

Continua »

Berlinale 74: Made in England

Certi film li guardi continuamente e convivi con loro, man mano che invecchi diventano più profondi. Non sono sicuro di…

Continua »

Berlinale 74: Assayas torna sul lockdown 2020

Se lo scorso anno uno dei film più belli della Berlinale fu Le mura di Bergamo di Stefano Savona, in…

Continua »

Berlinale 74: un film sulla nascita dell’antisemitismo in Romania

Forum regala un altro film molto interessante a questa nuova edizione della Berlinale, e il cinema rumeno si conferma uno…

Continua »

Berlinale 74: l’iraniano My Favourite Cake

Il film iraniano del Concorso, come purtroppo spesso capita di recente, è preannunciato da notizie di censura, infatti i registi…

Continua »

Berlinale 74: riflettori sul film iraniano, delude Cocina

Un bel film iraniano in concorso nella seconda giornata della 74° Berlinale. È My Favourite Cake di Maryam Moghaddam e Behtash…

Continua »

Berlinale 74: Redaktsiya

Se c’è una cosa che distingue l’Ucraina dalla Russia è il suo rapporto con il potere, da sempre c’è una…

Continua »

A caccia dell’Orso: Cinequanon alla Berlinale 74

Un discreto film d’apertura per la 74° Berlinale. È l’irlandese Small Things Like These diretto dal belga Tim Mielants e tratto…

Continua »

Oscar 2024: candidature e polemiche

Nuovo anno, solite polemiche legate ai premi Oscar: l’anno scorso arrivarono dopo la cerimonia, questa volta all’annuncio delle candidature. Ci…

Continua »

Povere Creature! la nostra recensione

“She’s like nothing you’ve ever seen” recita la campagna di marketing che nei paesi anglosassoni accompagna l’uscita di Povere Creature!…

Continua »

Enea

Enea è un figlio di una borghesia romana annoiata a cui gestire un ristorante non basta per sentirsi vivo. Il…

Continua »

A Filmstudio tornano i corsi di cinema: “Come leggere un film”

Dopo l’ottimo risultato dei corsi dello scorso anno, l’associazione Filmstudio 90 torna a proporre le Lezioni di Cinema del sabato pomeriggio.…

Continua »

Perfect Days: l’inno alla vita di Wim Wenders

Ci spostiamo da Berlino a Tokyo, uno sguardo dal cielo, come quello di un angelo, segue un piccolo furgoncino blu…

Continua »